Per poter visualizzare tutti i contenuti è necessario avere la versione attuale di Adobe Flash Player.

Homepage La Storia  1890 le origini 1900 - 1910 Il colera 1910 - 1920 1930 - 1940 1940 - 1950 1950 - 1960 1960 - 1970 1970 -1980 1980 - 1997 Vigile Sanitario Guardia di Sanità Tecnico della Prevenzione I libri sul Vigile Sanitario Chi sono Contatti Contatti 

Homepage

A Firenze presso il Teatro Tommaso Salvini, si tenne il 25, 26 ,27 Ottobre 1908 il primo Congresso nazionale dei vigili sanitari e personale tecnico addetto alle ispezioni per la vigilanza sanitaria .E' il primo documento probante le origini storiche associative di riunire in ambito nazionale questa figura nel lontano 1908.

Il Tecnico della Prevenzione risulta ancor oggi una professione poco conosciuta a differenza di altre professioni sanitarie come quella dei Veterinari o dei Medici o di altri organismi di controllo come i Carabinieri del NAS , Guardia di Finanza, Polizia Municipale ecc. Le ragioni sono da ricercare nell'evoluzione storica della sua figura professionale.Questa figura sanitaria non nasce nel 1997 con il DM 58/97, ma ha profonde radici nella storia della sanità della nostra nazione.Questo sito www.vigilisanitari.it ripercorre la storia di questa figura.

ll Presidente della Repubblica Saragat, alla presenza dell'On.le Luigi Mariotti Ministro della Sanità ,consegna a Lionello Rizzatti Presidente dell''Unione Nazionale Vigili Sanitari d'Italia la Medaglia d'Oro al Merito della Sanità Pubblica per l'attività che la stessa ha svolto, nel campo della prevenzione delle frodi e sofisticazioni alimentari, degliinquinamenti ambientali, incovenienti igienico sanitari e dell'abusivismo delle arti ausiliarie Dirigenti UNVISI presenti alla consegna della medaglia d'oro: Gennaro Ippolito di Napoli, Mario Felisatti di Ferrara, Alberto Caccia di Salerno, Salvatore Ferrara di Messina, Giorgio Ponsetti di Aosta, Edoardo Napolitani di Napoli, Mario Rolla di Firenze e Osvaldo Rudda, Gustavo Troisi, Lionello Rizzatti.



VIGILI SANITARI

Le origini e la sua storia

Conservare la storia e tramandarla è un obbligo sociale per ogni comunità che non voglia perdere il senso stesso del suo stare insieme.