Per poter visualizzare tutti i contenuti è necessario avere la versione attuale di Adobe Flash Player.

Homepage La Storia  1890 le origini 1900 - 1910 Il colera 1910 - 1920 1930 - 1940 1940 - 1950 1950 - 1960 1960 - 1970 1970 -1980 1980 - 1997 Vigile Sanitario Guardia di Sanità Tecnico della Prevenzione I libri sul Vigile Sanitario Chi sono Contatti Contatti 

Guardia di Sanità

GUARDIA DI SANITA'

Il ruolo delle Guardie di Sanità viene istituito in applicazione dell'art. 44 del T.U. delle Leggi sanitarie, 1 agosto 1907, n. 636, quale personale tecnico governativo di sanità marittima. Aiuta l’ufficiale sanitario governativo, suo diretto superiore nell’esecuzione delle ispezioni igienico – sanitarie e a lui riferisce per tutti i seguiti. Successivamente, con gli artt. 84 e 85 del R.D. 25 giugno 1914, n. 702 é stato introdotta la disciplina dello stato giuridico e delle attribuzioni delle Guardie di Sanità, il capo X del citato regio decreto prevede, con gli artt. da 81 a 86, i requisiti per l'accesso alla qualifica, lo sviluppo della carriera, i compiti e gli obblighi di servizio:- l'art. 83 prevede l'articolazione della qualifica su tre livelli, ossia Guardia di 1°e 2° classe e Capo Guardia;- l'art. 84 individua la dipendenza gerarchico-funzionale dal medico di porto;- la qualità di agenti di pubblica sicurezza (ope legis) per l'accertamento delle contravvenzioni alle norme che regolano la sanità marittima, le attribuzioni ed i servizi, l'obbligo di acquisire la necessaria istruzione tecnica e di seguire appositi corsi;- l'art. 85 attribuisce la facoltà di portare senza bisogno di licenza armi corte durante il servizio, nonché l'attribuzione di una speciale tessera di riconoscimento. Con il R.D. 2 maggio 1940 n. 1045, l'impiego delle Guardie di Sanità viene esteso ai servizi di sanità aerea, sotto la direzione dei medici di aeroporto e con attribuzioni identiche a quelle già assegnate ai servizi di sanità marittima. (fonte: Associazione Nazionale Ispettori Sanitari )



VIGILI SANITARI

Le origini e la sua storia

Conservare la storia e tramandarla è un obbligo sociale per ogni comunità che non voglia perdere il senso stesso del suo stare insieme.